parchi e riserve 4

 

 

In Abruzzo, la tutela dell’ambiente è affidata ad un sistema protezionistico davvero esteso e complesso; difatti circa un terzo della superficie regionale è costituito da aree protette nazionali e regionali e, sia nelle zone montane che in quelle prossime alla costa, l’intero territorio è interessato dalla cospicua presenza di altre aree a diverso carattere protezionistico. Per questo, oltre alla presenza dei grandi parchi, è importante evidenziare l’esistenza di un’intricata rete di riserve naturali ed aree tutelate a livello comunitario ed internazionale, talvolta disposte in sovrapposizione tra loro.

Gran parte dei Parchi Nazionali e Regionali sono stati istituiti attraverso la “legge quadro n. 394 del 1991”, la Legge che ha riunito e rinnovato le precedenti normative in merito alla tutela delle aree protette. Tale legislazione ha dettato i principi fondamentali circa l’istituzione e la gestione delle aree naturali protette in Italia, al fine di garantire e di promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale del paese. Nella legge quadro la definizione di Parco Nazionale è la seguente:“area terrestre, fluviale, lacuale o marina che contiene uno o più ecosistemi intatti o anche parzialmente alterati da interventi antropici, una o più formazioni fisiche, geologiche, geomorfologiche, biologiche, di rilievo internazionale o nazionale per valori naturalistici, scientifici, estetici, culturali, educativi e ricreativi tali da richiedere l'intervento dello Stato ai fini della loro conservazione per le generazioni presenti e future”.

Nella legge quadro la definizione di Parco Regionale e Interregionale è la seguente:“area terrestre, fluviale, lacuale ed eventualmente da tratti di mare prospicienti la costa, di valore naturalistico e ambientale, che costituiscono, nell'ambito di una o più regioni limitrofe, un sistema omogeneo, individuato dagli assetti naturalistici dei luoghi, dai valori paesaggistici e artistici e dalle tradizioni culturali delle popolazioni locali.”

La “legge quadro” pone l'obiettivo di coniugare le esigenze di conservazione e tutela del patrimonio naturale con gli interessi delle popolazioni locali attraverso l'avvio di forme di sviluppo sostenibile all'interno dell'area protetta. La tutela dei valori naturali e ambientali, che la Legge affida all'Ente Parco, è perseguita attraverso lo strumento del Piano del Parco, che suddivide il territorio in funzione del diverso grado di protezione. Il territorio del Parco è dunque articolato "in aree o parti caratterizzate da forme differenziate di uso, godimento e tutela".

 

 

 

 

foto gallery (2)

CRAM 2016 Casoli

{gallery}cram2016,noslim=0,thumbs=0,ratio=0,width=100,height=100,gap_v=20,quality=50{/gallery}

 

Parchi, aree protette

{gallery}gallery,noslim=0,thumbs=0,ratio=0,width=100,height=100,gap_v=20,quality=50{/gallery}

 

Emigrazione

{gallery}gallery2,noslim=0,thumbs=0,ratio=0,width=100,height=100,gap_v=20,quality=50{/gallery}

Bibliografie

BIBLIOGRAFIA e MANOSCRITTI

Biblioteca digitale di libri e manoscritti relativi all'Abruzzo. Tale raccolta è in costante aggiornamento da parte della redazione.

Credenze Usi e costumi Abruzzesi raccolti da G. Finamore
Curiosità e tradizioni popolari di G. Pitrè (1894)
Storia ed arte di E. Abate
Proverbi Abruzzesi di A. De Nino (1877)
  La pastorizia abruzzese di E. D'Orazio (1906)
La tragedia di Marcinelle negli atti parlamentari di M. Di Giangregorio (2008)

 

 

Giovani Abruzzesi

Una importante novità, emersa durante l’ultima riunione svoltasi a Tagliacozzo durante dell’assemblea plenaria del CRAM, il 13 e 14 novembre 2015 a Tagliacozzo (L’Aquila), riguarda l’istituzione di una consulta giovanile che potrà dare nuovo slancio e con un approccio diverso rispetto al passato alla diffusione delle tradizioni locali in tutto il mondo. Il progetto è stato presentato da Federico Mandl della Fedamo (Federazione delle Associazioni Abruzzesi in Argentina), con il sostegno di tutti i delegati giovani presenti e con il parere favorevole del presidente del Cram Donato Di Matteo e del vice presidente Angela Di Benedetto rappresentante del Canada.

Nel 2016, in occasione delll'Open Day "Winter" e in concomitanza alla seduta ordinaria del Consiglio Regionale degli Abruzzesi nel Mondo - C.R.A.M., si svolgerà l'incontro Internazionale dei Giovani Abruzzesi nel Mondo a Casoli, in provincia di Chieti, dal 28 al 31 ottobre. 

La partecipazione è aperta a venti rappresentanti, under 35, delle associazioni di Abruzzesi nel mondo. per molti di loro sarà un'occasione per visitare la terra d'origine dei propri avi, scambiare opinioni in merito alla salvaguardia delle tradizioni e allo studio della lingua italiana, ma anche per conoscere i meccanismi e le opportunità del mondo scolastico e imprenditoriale abruzzese, senza dimenticare l'appuntamento con il C.R.A.M., di cui, un domani assai prossimo, erediteranno la guida. Alle confederazioni, alle federazioni e alle associazioni iscritte all'Albo Regionale degli Abruzzesi nel Mondo è stato chiesto lo sforzo di riunirsi per individuare i venti rappresentanti che si ritroveranno ad Atessa, nel rispetto di un principio che tiene conto dei limiti imposti dal bilancio, ma anche del peso che ogni singola nazione occupa nel panorama dell'emigrazione degli abruzzesi nel mondo. 

canale video youtube

Parchi ed aree protette

[mx_youtuber type="playlist" id="PLw1Qbjlcl7zlJA-iYxmRvVEXNEaJqdHmK" cols="3" rows="3"  display="title,date" size="medium" max_words="500"]

Assessore Donato Di Matteo (Presidente CRAM)

[mx_youtuber type="playlist" id="PLw1Qbjlcl7zkqHI7Qgz8l4UfuDNJovjvK" cols="3" rows="2" display="title,date" size="medium" max_words="500" ]

Notizie

[mx_youtuber type="playlist" id="PLw1Qbjlcl7znC9d-Xe9CkATxLAHc8Xb3C" cols="3" rows="2" display="title,date" size="medium" max_words="500" ]

Eventi ed Emigrazione

[mx_youtuber type="playlist" id="PLw1Qbjlcl7zn9RJelCo4vJyER0I01jUs5" cols="3" rows="2" display="title,date" size="medium" max_words="500"  ]

Video (in lingua inglese)

[mx_youtuber type="playlist" id="PLw1Qbjlcl7zmKuh400MecgKaeXM8TAgeO" cols="3" rows="2" display="title,date" size="medium" max_words="500" ]

Canale Youtube

[mx_youtuber type="channel" id="UCED5cqDCAMQhpYBnTtq6xpQ" cols="2" display="title,description" playlist_id="PLw1Qbjlcl7zlJA-iYxmRvVEXNEaJqdHmK"]

Zone Umide di interesse internazionale

Zone Umide di interesse internazionale

Si tratta di aree acquitrinose, paludi, torbiere oppure zone naturali o artificiali d'acqua, permanenti o transitorie comprese zone di acqua marina la cui profondità, quando c'è bassa marea, non superi i sei metri. Viene così garantita la conservazione dei più importanti ecosistemi "umidi" nazionali, le cui funzioni ecologiche sono fondamentali, sia come regolatori del regime delle acque, sia come habitat di una particolare flora e fauna. In Abruzzo l'unica zona umida ritenuta di importanza internazionale ed inserita nell'elenco della Convenzione è quella del Lago di Barrea, nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise, vedi la Fig. seguente



 

Figura –Zona Umida Internazionale




Aree Naturali Protette

LE RISERVE NATURALI PROTETTE

La struttura delle aree protette comprende in Abruzzo, oltre i 3 Parchi nazionali e quello regionale, 38 tra Riserve statali, Riserve regionali, Oasi e Parchi territoriali attrezzati, che aldilà delle dimensioni territoriali a volte ridotte, presentano aspetti di notevole interesse scientifico e naturalistico e completano il sistema delle aree protette della “Regione verde d'Europa”.


 

Figura – Riserve Naturali, Oasi e Parchi Territoriali Attrezzati

 

Alcune Riserve regionali si sono dotate di organi di gestione che prevedono, oltre al rispetto delle norme di tutela, strumenti di pianificazione e programmi di valorizzazione dell'area protetta. Il sistema costituisce uno strumento di pianificazione ambientale, un laboratorio permanente di ricerca scientifica in cui sono stati realizzati recentemente alcuni dei più importanti progetti faunistici dell'Appennino, con il ripristino dell'ecosistema e il reintegro di specie da tempo scomparse; in TAB.2.3 sono elencate le aree naturali abruzzesi con le relative estensioni territoriali.

 

codice

denominazione

prov.

sup.

(ha)

sovrapposizione con altre aree tutelate

parchi

SIC

ZPS

IBA


Riserve statali

 

EUAP0019

Riserva Naturale Colle di Licco

AQ

95

d'Abruzzo

IT7110205

IT7120132

IBA 119

EUAP0021

Riserva Naturale Fara S.Martino- Palombaro

CH

4202

Majella

IT7140203

IT7140129

IBA 115

EUAP0022

Riserva Naturale Feudo Intramonti

AQ

908

d'Abruzzo

IT7110205

IT7120132

IBA 119

EUAP0023

Riserva Naturale Feudo Ugni

CH

1563

Majella

IT7140203

IT7140129

IBA 115

EUAP0020

Riserva Naturale Lago di Campotosto

AQ

1600

Gran Sasso- Laga

IT7120201

IT7110128

IBA 204

EUAP0024

Riserva Naturale Lama Bianca di S.Eufemia a Maiella

PE

1300

Majella

IT7140203

IT7140129

IBA 115

EUAP0025

Riserva Naturale Monte Rotondo

PE- AQ

1452

Gran Sasso- Laga/Majella

IT7130024

IT7140203

IT7110128

IT7140129

IBA 204

IBA 115

EUAP0026

Riserva Naturale Monte Velino

AQ

3550

Sirente-Velino

IT7110206

IT7110130

IBA 114

EUAP0027

Riserva Naturale Pantaniello

AQ

7

 

IT7110205

   

EUAP0028

Riserva Naturale Piana Grande della Majelletta

PE

366

Majella

IT7140203

IT7140129

IBA 115

EUAP0029

Riserva Naturale Pineta di Santa Filomena

PE

20

       

EUAP0030

Riserva Naturale Quarto S.Chiara

CH

485

Majella

IT7140203

IT7110204

IT7140129

IBA 115

EUAP0031

Riserva Naturale Valle dell'Orfento

PE

1920

Majella

IT7140203

IT7140129

IBA 115

EUAP0032

Riserva Naturale Valle dell' Orfento II

PE

320

Majella

IT7140203

IT7140129

IBA 115


Riserve regionali

 

EUAP1069

Riserva Naturale Guidata Abetina di Rosello

CH

211

 

IT7140212

 

IBA 115

EUAP1092

Riserva Naturale Guidata Bosco di Don Venanzio

CH

78

       

EUAP1088

Riserva Naturale Guidata Calanchi di Atri

TE

380

 

IT7120083

   

EUAP1166

Riserva Naturale Guidata Cascate del Verde

CH

287

 

IT7140212

 

IBA 115

EUAP0245

Riserva Naturale Controllata Castel Cerreto

TE

70

       

EUAP1070

Riserva Naturale Guidata Gole del Sagittario

AQ

354

 

IT7110099

   

EUAP1091

Riserva Naturale Guidata Gole di S. Venanzio

AQ

1107

 

IT7110096

 

IBA 114

EUAP0244

Riserva Naturale Guidata Grotte di Pietrasecca

AQ

110

 

IT7110089

   

EUAP0246

Riserva Naturale Controllata Lago di Penne

PE

150

       

EUAP0247

Riserva Naturale Controllata Lago di Serranella

CH

300

 

IT7140215

   

EUAP1165

Riserva Naturale Guidata Lecceta di Torino di Sangro

CH

165

 

IT7140107

   

EUAP1089

Riserva Naturale Guidata Monte Genzana e Alto Gizio

AQ

3160

 

IT7110100

   

EUAP1093

Riserva Naturale Guidata Monte Salviano

AQ

722

 

IT7110092

   

EUAP1164

Riserva Naturale Provinciale Pineta Dannunziana

PE

56

       

EUAP1090

Riserva Naturale Guidata Punta Aderci

CH

285

 

IT7140108

   

EUAP0248

Riserva Naturale Guidata Sorgenti del Pescara

PE

49

       

EUAP0249

Riserva Naturale Guidata Zompo lo Schioppo

AQ

1025

 

IT7110207

IT7110207

IBA 118

 

Oasi Naturali

 

EUAP0990

Oasi Naturale Abetina di Selva Grande

CH

550

 

IT7140121

 

IBA 115

 

Parchi territoriali attrezzati

 

EUAP0545

Parco Territoriale Attrezzato Annunziata

CH

50

       

EUAP0415

Parco Territoriale Attrezzato Fiume Fiumetto

TE

74

       

EUAP1095

Parco Territoriale Attrezzato Fiume Vomano

TE

335

 

IT7120082

   

EUAP0542

Parco Territoriale Attrezzato Sorgenti del Fiume Vera

AQ

30

       

EUAP1094

Parco Territoriale Attrezzato Sorgenti solfuree del Lavino

PE

38

       

EUAP0416

Parco Territoriale Attrezzato Vicoli

PE

10

       

 TABELLA - Estensioni delle aree naturali protette

Definizione generale di ZONA presente all’interno di un PARCO

  • ZONA A

Riserva Integrale, è destinata alla conservazione dell'ambiente naturale nella sua integrità.

L'obiettivo prioritario è quello di garantire i massimi tassi di riproduzione e sopravvivenza delle specie animali di particolare interesse. La tutela della fauna dovrà essere quindi attuata nella forma più integrale tramite determinate misure restrittive:

a) pascolo consentito occasionalmente;

b) divieto di interventi forestali e di tipo produttivo;

c) divieto di costruzioni e manufatti;

d) divieto di accesso ai cani;

e) regolamentazione nell'accesso nei siti e nelle zone critiche.

 

  • ZONA B

Riserva Generale Orientata, si pongono come cuscinetto e come zone di confine tra le riserve integrali e le aree a più alta antropizzazione.

L'obiettivo è quello di aumentare la capacità faunistica attraverso interventi attivi di miglioramento ambientale. Anche in queste zone dovranno essere previste misure restrittive:

a) divieto di costruzioni e manufatti;

b) divieto di ripopolamenti ittici con specie non autoctone;

c) divieto di condurre cani senza guinzaglio, con l'eccezione dei pastori;

d) prescrizioni per la zootecnia e pianificazione del carico zootecnico;

e) prescrizioni per le attività forestali;

f) prescrizioni per le attività agricole.

 

  • ZONA C

Aree di Protezione.

Nelle zone C e D l'obiettivo generale è quello d'incentivare lo sviluppo delle attività socio- economiche compatibili con la presenza delle specie prioritarie. Verranno applicate alcune misure restrittive indispensabili.

a) divieto nelle zone C di realizzare recinzioni e manufatti tali da impedire la libera circolazione della fauna;

b) divieto di condurre cani senza guinzaglio, con l'eccezione dei pastori;

c) divieto di impiego di diserbanti e disseccanti; graduale conversione alle tecniche colturali sostenibili.

 

  • ZONA D

Aree di Promozione economica e sociale.

La zona D può essere ulteriormente suddivisa in due tipologie

  • D1 insediamenti turistici esistenti da riorganizzare su progetto unitario;

  • D2 insediamenti disciplinati dagli strumenti urbanistici comunali.

 

I grandi parchi Abruzzesi

I Parchi naturali abruzzesi si estendono su gran parte dei territori montani regionali e costituiscono nel loro insieme un'unica vasta area protetta, conferendo all'Abruzzo l'appellativo di “Regione verde d'Europa”; l’estensione territoriale di ognuno di essi è riportata nelle tabelle seguenti. Ad esclusione del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, che appartiene al gruppo dei cosiddetti “Parchi Storici”, i grandi parchi abruzzesi sono stati istituiti attraverso la legge quadro n. 394 del 1991.


Figura
– I Parchi Abruzzesi 

 

 

 

codice

denominazione

prov.

sup.

(ha)

sovrapposizione con altre aree tutelate

riserve

SIC

ZPS

IBA


Parchi nazionali

EUAP0007

Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga

AQ PE TE RI

AP

141341

EUAP0020

EUAP0025

IT7120201

IT7110202

IT7120213

IT7110209

IT7130024

IT7110128

IBA 204

EUAP0013

Parco nazionale della Maiella

AQ CH PE

62838

EUAP0021

EUAP0023

EUAP0024

EUAP0028

EUAP0030

EUAP0031

EUAP0032

IT7140203

IT7110204

IT7140043

IT7130031

IT7140129

IBA 115

EUAP0001

Parco nazionale dell'Abruzzo, Lazio e Molise

AQ FR

IS

49680

EUAP0019

EUAP0022

IT7110205

IT7120132

IBA 119

 

TAB.2.1 – Superficie dei Parchi Nazionali Abruzzo




codice

denominazione

prov.

sup.

(ha)

sovrapposizione con altre aree tutelate

riserve

SIC

ZPS

IBA


Parchi naturali regionali

EUAP0173

Parco regionale naturale del Sirente - Velino

AQ

56450

EUAP0026

IT7110206

IT7110075

IT7110090

IT7110096

IT7110130

IBA 114

 

TABELLA - Superficie del Parco Regionale Abruzzese

 

 

 

 

Essi sono: PNALM (Parco Nazionale Abruzzo Lazio Molise) , Parco Nazionale della Majella, Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga, Parco Naturale Regionale Sirente-Velino.

 

Parchi Nazionali e Regionali

Gran parte dei Parchi Nazionali e Regionali sono stati istituiti attraverso la “legge quadro n. 394 del 1991”, la Legge che ha riunito e rinnovato le precedenti normative in merito alla tutela delle aree protette. Tale legislazione ha dettato i principi fondamentali circa l’istituzione e la gestione delle aree naturali protette in Italia, al fine di garantire e di promuovere, in forma coordinata, la conservazione e la valorizzazione del patrimonio naturale del paese. Nella legge quadro la definizione di Parco Nazionale è la seguente: “area terrestre, fluviale, lacuale o marina che contiene uno o più ecosistemi intatti o anche parzialmente alterati da interventi antropici, una o più formazioni fisiche, geologiche, geomorfologiche, biologiche, di rilievo internazionale o nazionale per valori naturalistici, scientifici, estetici, culturali, educativi e ricreativi tali da richiedere l'intervento dello Stato ai fini della loro conservazione per le generazioni presenti e future”.

© CRAM Abruzzo - Giunta Regionale - Direzione Lavoro e Sociale
Via Passolanciano, 75 - 65124 PESCARA (PE) - Tel. +39 0857672591 / +39 0857672567 | Privacy Policy